giovedì 7 aprile 2011

GIANCHETTI

Gianchetti o bianchetti è il nome attribuito in ligure al novellame del pesce azzurro pescato nel Mar Mediterraneo (in particolare sardine e acciughe).
Tale tipo di pesce viene pescato con speciali reti, chiamate nel gergo ligure sciabegottu (simili alla rete a sciabica, ma con dimensioni più piccole), nei primi mesi dell'anno.

Nella cucina ligure i gianchetti si consumano prevalentemente scottati nell'acqua salata e serviti caldi conditi con olio e limone; un'altra versione prevede il confezionamento di frittelle preparate con pastella di uova e farina o in frittate insaporite dal limone (piatto, quest'ultimo, particolarmente popolare nel ponente ligure); si possono anche semplicemente infarinare e frigger



FRITTELLE

Sbattete le uova con il formaggio, il prezzemolo e il sale.
Lavate i gianchetti e puliteli da erbette e sassolini; scolateli molto bene e aggiungeteli al composto insieme alla farina mescolando delicatamente fino a formare un composto omogeneo.
Prendete una padella in ferro o antiaderente, scaldatela bene con abbondante olio e immergetevi i gianchetti a cucchiaiate.
Quando le frittelle risulteranno ben dorate, fatele cuocere anche dall'altra parte.
Quando risultano ben cotte adagiatele su della carta assorbente.
Potete servirle sia calde che fredde.



FRITTATA

Mettete i gianchetti in uno scolapasta e lavateli sotto l'acqua corrente per pulirli si sabbia, alghe e altre impurità quindi fateli scolare con cura., poneteli su carta assorbente da cucina e tamponateli delicatamente. Tritate il prezzemolo, l'aglio, e la maggiorana fresca.
In una terrina sbattete le uova, aggiuntevi la mollica di pane strizzata, il trito di aglio, prezzemolo e maggiorana e i 50 grammi di parmigiano; salate a seconda delle vostre abitudini e mescolate il tutto. Unite al composto i gianchetti e mescolate delicatamente il tutto.

Ungete il fondo di una padella antiaderente, con un cucchiaio d'olio, avendo cura di distribuirlo anche sulle pareti. Aiutatevi con le mani
Mettete la padella sul fuoco regolandolo sul medio e non appena comincerà a scaldare, versatevi il composto e procedete come quando preparate una qualsiasi frittata. Tenete conto che i gianchetti cuociono in 2 minuti.
Servire calda, tagliata a spicchi o a cubetti.


In alternativa alla maggiorana è possibile usare 4/5 foglie di basilico; naturalmente il sapore cambia, ma è un ottima variante.
Se si vuole una cottura priva di grassi, è possibile procedere anche con la cottura in forno con la stessa procedura di quando cucinate le uova.




INSALATA

Lavate i pesci e posateli su un piatto condendoli con abbondante succo di limone, prezzemolo, olio e sale.
Lasciate riposare così per 2 ore e poi servite

2 commenti:

  1. In Puglia il novellame si chiama "schiuma di mare". Se non ricordo male non si dovrebbe abusare del suo consumo ;-) ma è troppo gustoso!

    RispondiElimina