mercoledì 23 marzo 2011

CONDIGLIONE



Ho notato che alcuni piatti esistono in varianti regionali particolari, perciò mi farebbe piacere avviare un confronto !!!!

CONDIGLIONE


Il condiglione è un'insalata fresca e mista nell'imperiese e del genovesato.A ponente è particolarmente diffuso nella città di Ventimiglia.  
Si mangia soprattutto d'estate, magari all'aperto. Un tempo le donne lo consumavano sedute sugli scalini di casa, spettegolando con le vicine e servendosi spesso da un unico "grilletto" (piatto).
Esistono diverse ricette e la lista degli ingredienti varia seconde le zone e le stagioni. 

Nell'imperiese tradizionalmente sono presenti solo i pomodori, le olive, il basilico, i peperoni, le acciughe, l'aglio e i condimenti; a Genova invece gli ingredienti sono più abbondanti sino ad ottenere un piatto che ricorda un modesto cappon magro. Comunque sia, questa insalata deve essere sempre abbondantemente condita, come indica il suo nome che deriva dal verbo condire e nel rispetto del detto locale: "Non mi fido di tre cose: condiglione senza condimento, bella donna civettuola, contadino senza tridente".





Il condiglione somiglia sicuramente alla sua cugina della Costa Azzurra, la Salade niçoise.
A mio parere assomiglia anche un po’ alla panzanella toscana… voi che ne dite? ;)





preparazione:.
Ingredienti per 4 persone: 300 g di patate novelle, 4 pomodori da insalata preferibilmente "cuore di bue", 2 peperoni, 1 cetriolo, 1 cipolla rossa, 100 g di olive taggiasche in salamoia, 4 filetti di acciughe salate (oppure 50 g di mosciamme, oppure tonno), 1 ciuffo di basilico, 2 spicchi d'aglio, 1 uovo sodo ,olio extravergine d'oliva, aceto, sale.
Preparazione: lessare le patate, pelarle e lasciarle raffreddare. Bollire l'uovo. Pulire le acciughe e tagliarle in filetti; se usate il mosciamme tagliatelo a fette sottilissime.
Strofinare di aglio la terrina, se vi piacciono i sapori decisi, disporvi le verdure tagliate a pezzetti sottili tranne i pomodori, condire e spolverizzare con le foglie di basilico strappate con le dita. Lasciare riposare qualche minuto prima di servire.

6 commenti:

  1. Caspita!questa mi piace un sacco!!poi fa tanto estate!!che cosa è il "cappon magro"?
    Si,un pò ricorda la pansanella anche se per questa è indispensabile il pane raffermo bagnato, cmq possiamo considerare che le patate facciamo le sue veci! é un'ottima alternativa a questa anche se un pò più ricco!! La proverò promesso!!

    RispondiElimina
  2. La panzanella? mmmh...non so, forse non è proprio la ricetta tradizionale, ma a casa mia la panzanella è pane bagnato con pomodori a pezzi, cipolla(a volte perchè mia sorella non la vuole), olio e basilico(a foglie, a volte perchè mia sorella etc etc etc)...molto meno ricca! P.S. ma è sparito il post du bacalà o sono io impedita che non lo trovo?

    RispondiElimina
  3. @Martina
    eh si, qui il pane è sostituito dalle patate, anche se non sempre ci sono...
    comunque, da buoni liguri, tutti i piatti di solito sono "accompagnati" dal pane!!! ;)

    ps: tra poco arriva il cappon magro :D

    RispondiElimina
  4. @Marta
    si, io intendevo simile per l'uso del pomodoro in un piatto fresco, però credevo ci si mettesse qualcosa di più nella panzanella.. bho..

    ps: ehm si, il baccalà ha avuto una revisione improvvisa nelle prime fasi di vita del blog.. a breve ricomparirà ;)

    RispondiElimina
  5. Un piatto come il condiglione, dal punto di vista della sommellierie è un po' "ostico".
    La presenza di aceto, esclude gli abbinamenti col vino, anche se si potrebbe ripulire il palato con la freschezza di un prosecco.

    ....ma per meglio pasteggiare, un bicchier di birra aiuta ad abbinare meglio i sapori dell'insalatone ligure.

    Velia

    RispondiElimina
  6. ...e la liguria dell'estremo ponente ligure? ;-)

    RispondiElimina